C’era un’antica canzone che diceva. Son tutte belle le mamme del mondo

Ultimi articoli
Newsletter

Savona | LE RIFLESSIONI DI VINCENZO PUNZO

C’era un’antica canzone che diceva
Son tutte belle le mamme del mondo

Esse si distinguono per i loro carismi, intrinsechi alla loro stessa natura umana, quello di amare, procreare, crescere e moltiplicare; sono sempre al fianco dei propri figli, a lottare per loro ed i figli stravedono per la mamma,...

di Vincenzo Punzo

Mamma
Mamma

SON TUTTE BELLE LE MAMME DEL MONDO

C’era un’antica canzone che diceva: Son tutte belle le mamme del mondo.

Esse si distinguono per i loro carismi, intrinsechi alla loro stessa natura umana, quello di amare, procreare, crescere e moltiplicare; sono sempre al fianco dei propri figli, a lottare per loro ed i figli stravedono per la mamma, il bambino insieme al latte assorbe dalla mamma i valori umani e l’energia spirituale. Bene diceva il grande statista Bismark: -Le stesse nazioni si formano sulle ginocchia delle madri-. Si dice pure che l’uomo è della strada, la donna è della casa, infatti dove c’è bisogno di sensibilità, di aiuto concreto lì c’è la donna.

Nella società attuale, per quanto si voglia scartare l’idea di superiorità dell’uomo sulla donna, è più che evidente la discriminazione tra i sessi, la donna appare sempre come il sesso debole. Fino ad oggi ho dei buoni motivi nell’affermare il contrario, l’autonomia femminile si evidenzia, con un certo spessore, anche fuori casa, nel lavoro, nella politica, ma la vera grazia della donna è la capacità di gestire l’ordinario della vita di tutti i giorni che poi diventa straordinario per tutti.

Che dire di donne sia laiche che religiose che si prendono cura dei bambini in terra di missioni e negli orfanotrofi e di donne che adottano un bambino; l’uomo con i suoi carismi può fare ben altro cioè accarezzarle con un fiore, meglio la rosa.

Il mio pensiero va a tutte le donne che vivono in paesi poveri dominati da una cultura dittatoriale e maschilista nei quali sono perennemente schiave, eppure la precoce maternità le rende libere di amare e di occuparsi della famiglia, si vedono dappertutto, nei centri parrocchiali e di promozione femminile, nei centri di assistenza sanitaria, al mercato rionale per vendere o acquistare prodotti per la casa.

Mentre nei paesi poveri ci sono mamme-bambine, nei paesi di un certo sviluppo economico e culturale, ci sono madri adulte che dimostrano di essere bambine.

Credo che ci sia un tempo per giocare soprattutto con i sentimenti e i valori della vita.

La maternità, il matrimonio non sono cose astratte, è bene tener presente che noi umani, a differenza degli animali che agiscono per istinto, dobbiamo agire con la ragione.

-Tutte le cose che ti tolgono la felicità non vengono da Dio-.

Vincenzo Punzo

Savona, 7 maggio 2020

Mercoledì 1 luglio 2020

© Riproduzione riservata

126 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: