«Che potere le benedizioni!...». Valorizzare di più il rito della benedizione

Ultimi articoli
Newsletter

Savona | LE RIFLESSIONI DI VINCENZO PUNZO

«Che potere le benedizioni!...»
Valorizzare di più il rito della benedizione

Questa testimonianza ci invita a valorizzare di più il rito della benedizione, eseguita dal sacerdote, dal vescovo, dal cardinale, da S.S.Papa Francesco, dal diacono...

di Vincenzo Punzo

La benedizione
La benedizione

Che potere le benedizioni!

Questa testimonianza ci invita a valorizzare di più il rito della benedizione, eseguita dal sacerdote, dal vescovo, dal cardinale, da S.S.Papa Francesco, dal diacono ma anche quella dei genitori ai propri figli e quella eseguita dai laici. In qualsiasi situazione ci troviamo possiamo benedire perché con il battesimo siamo re, sacerdoti e profeti e quindi possiamo esercitare il nostro ministero di sacerdote regale.

Che cosa disse Gesù a Teresa Neumann, la stigmatizzata tedesca che viveva solo dell’Eucarestia.

-Cara figlia, voglio insegnarti a ricevere la mia benedizione con fervore. Cerca di capire che qualcosa di grande ha luogo quando ricevi la benedizione di un mio sacerdote. La benedizione è uno straripamento della mia Divina Santità. Apri la tua anima e lascia che diventi santa attraverso la mia benedizione. Essa è rugiada celestiale per l’anima, attraverso la quale tutto ciò che viene fatto può essere fruttuoso. Tramite il potere di benedire, ho dato al sacerdote il potere di aprire il tesoro del mio Cuore e di riversare una pioggia di grazie sulle anime.

Quando il sacerdote benedice, lo benedico. Allora una sterminata corrente di grazie fluisce dal mio Sacro Cuore all’anima fino a riempirla completamente. In conclusione: tieni aperto il tuo cuore per non perdere il beneficio della benedizione. Attraverso la mia benedizione ricevi la grazia di amore e aiuto per l’anima e per il corpo. La mia santa benedizione contiene tutto l’aiuto che è necessario all’umanità. Per mezzo di essa ti è data la forza e il desiderio di cercare il bene, di sfuggire il male, di godere della protezione dei miei figli contro i poteri delle tenebre. È un grande privilegio quando ti è concesso di ricevere la benedizione, non puoi capire quanta misericordia ti giunge per suo mezzo. Perciò mai ricevere la benedizione in modo piatto o distratto, ma con tutta la tua attenzione completa! Tu sei povera prima di ricevere la benedizione, sei ricca dopo averla ricevuta.

Mi addolora che la benedizione della Chiesa sia tanto poco apprezzata e raramente ricevuta. La buona volontà è rafforzata per suo mezzo, le iniziative ricevono la mia provvidenza particolare, la debolezza è potenziata dal mio potere. I pensieri sono spiritualizzati e tutte le cattive influenze neutralizzate.

Ho dato alla mia benedizione poteri senza confini: essa proviene dall’infinito amore del mio Sacro Cuore. Maggiore è lo zelo con il quale la mia benedizione è data e ricevuta, maggiore la benedizione: questo non ha importanza perché lo do a ciascuno a seconda della misura della sua fede! E poiché Io sono infinitamente ricco di tutti i beni, vi è concesso di ricevere senza misura. Le tue speranze non sono mai troppo grandi, tutto supererà le tue più profonde aspettative!

Figlia mia, proteggi chi dà la benedizione! Stima altamente le cose benedette, così piacerai a me, tuo Dio. Ogni volta che tu sei benedetta, sei unita più strettamente a me, santificata di nuovo, risanata e protetta dall’amore del mio Sacro Cuore.

Spesso Io tengo nascosti i risultati della mia benedizione in modo che siano conosciuti soltanto nell’eternità. Spesso sembra che le benedizioni non abbiamo risultato, invece è meravigliosa la loro influenza: questi sono i misteri della mia provvidenza che non desidero manifestare.

Le mie benedizioni producono mote volte effetti sconosciuti per l’anima. Perciò abbi grande fiducia in questo straripamento del mio sacro Cuore e rifletti seriamente su questo favore (ciò che gli apparenti risultati sono a te nascosti).

Ricevi la santa benedizione sinceramente perché le sue grazie entrano soltanto nel cuore umile! Ricevila con buona volontà e con l’intenzione di diventare migliore, allora essa penetrerà nella profondità del tuo cuore e produrrà i suoi effetti.

Sii una figlia della benedizione, allora tu stessa sarai una benedizione per gli altri-.

Vincenzo Punzo

Mercoledì 18 settembre 2019

© Riproduzione riservata

102 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: