La Quaresima. È un tempo di 40 giorni. Segni e parole di un tempo di conversione

Ultimi articoli
Newsletter

Cairo Montenotte | LE RIFLESSIONI DI VINCENZO PUNZO

La Quaresima. È un tempo di 40 giorni
Segni e parole di un tempo di conversione

Durante la Quaresima, la liturgia propone alcuni segni che, nella loro semplicità, come la via crucis, ci aiutano a comprendere meglio il significato di questo tempo

di Vincenzo Punzo

La Quaresima. È un tempo di 40 giorni
La Quaresima. È un tempo di 40 giorni

Segni e parole di un tempo di conversione

LA QUARESIMA

Segni, simboli e significati della liturgia ci portano, in particolare, a rivivere la Quaresima con l’inizio delle ceneri, data stabilita dal calendario lunare come avviene per la santa Pasqua. È un tempo di 40 giorni; il numero 40 è riportato nella Bibbia ben otto volte, i 40 giorni del diluvio, i 40 anni della terra promessa da Mosè, i 40 giorni del cammino del profeta Elia ecc.

Durante la Quaresima, la liturgia propone alcuni segni che, nella loro semplicità, come la via crucis, ci aiutano a comprendere meglio il significato di questo tempo. Il primo segno sono le ceneri, gli altri tre segni tradizionali del tempo di Quaresima sono: l’elemosina, la preghiera e il digiuno; inoltre i paramenti liturgici diventano viola, non si recita il Gloria e non si canta l’Alleluia, gli altari sono spogli di ornamenti floreali, la cenere imposta sul capo o sulla fronte del fedele nel Mercoledì delle Ceneri, è il segno che ricorda la nostra condizione di creature ed esorta alla penitenza.

L’elemosina, il digiuno e la preghiera sono tutte buone opere da fare in Quaresima:

1) la legge del digiuno obbliga a fare un unico pasto durante la giornata, ma non proibisce di prendere un pò di cibo al mattino.

2) La legge dell’astenersi proibisce l’uso delle carni come pure dei cibi e delle bevande.

3) Il digiuno e l’astinenza devono essere osservate il Mercoledì delle Ceneri e il venerdì della passione e morte del Signore nostro Gesù Cristo, sono consigliati fino alla veglia pasquale.

4) Alla legge del digiuno sono tenuti tutti dai 14 ai 60 anni.

5) Il digiuno e l’astinenza, insieme alla preghiera, all’elemosina ed altre opere di carità appartengono da sempre alla vita e alla prassi penitenziale

Dai testi biblici quindi, il tempo quaresimale può apparire, ad alcuni, come un periodo cupo, in cui la chiesa impone ai credenti sacrifici che ormai sembrano qualcosa di anacronistico, se non addirittura inopportuno, ma non è così, questo tempo infatti, è un cammino verso la luce di resurrezione.

Vincenzo Punzo

Savona, 4 marzo 2020

Martedì 10 marzo 2020

© Riproduzione riservata

121 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: