Premiati i partecipanti al raduno di -Pesca in amicizia- sulle orme di Lanzarotto Malocello

Ultimi articoli
Newsletter

Varazze | EVENTI ESTIVI

Premiati i partecipanti al raduno di -Pesca
in amicizia- sulle orme di Lanzarotto Malocello

L’Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica Varazze, nel rispetto delle regole e disposizioni emanate delle Autorità locali, regionali e nazionali, in seguito all’emergenza epidemiologica da covid-19, a fine della scorsa settimana

di Antonio Rossello

L'evento
L'evento

Premiati i partecipanti al raduno di -Pesca in amicizia- sulle orme di Lanzarotto Malocello

L’Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica Varazze (APSDV), nel rispetto delle regole e disposizioni emanate delle Autorità locali, regionali e nazionali, in seguito all’emergenza epidemiologica da covid-19, a fine della scorsa settimana, ha organizzato una serata conviviale presso la propria base nautica, posta a levante del molo di sottoflutto del porto turistico Marina di Varazze, per premiare i partecipanti al raduno di-Pesca in amicizia-.

La manifestazione ludico amatoriale a coppie di pesca al bolentino o canna da natante, seconda prova del calendario manifestazioni 2020, aperta a tutti, purché muniti di imbarcazione, si è così svolta:

- a) - nel rispetto del regolamento generale per questo tipo di raduni;

- b) - zona di pesca: Secca del Campanile;

- c) - orario: dalle ore 8: 00 alle 10: 30.

Premiazione:

- a) - per tutti i partecipanti: spaghetti alla marinara, cozze elaborate alla Gaspare, spicchi di anguria italiana, gelato artigianale alla varazzese;

- b) – per le sei coppie prime classificate: Roccatagliata/Miccolis; Patrucco/Scamporrino; Perata/De Luigi; Laviosa/Biato; Fazio/Cerruti; Gabriele/ Sala, un lungo applauso e i complimenti dei due Presidenti.

Al tradizionale raduno amatoriale di -Pesca in amicizia - sulle orme di Lanzarotto Malocello-, in ricordo dell’impresa compiuta dal navigatore ed esploratore varazzino, che all’inizio del XIV secolo scoprì l’Arcipelago delle Canarie e diede il proprio nome all’isola di Lanzarote, che si è svolto sabato 18 luglio 2020, è stato organizzato dal locale sodalizio sportivo e socio-aggregativo in collaborazione con lo -Sporting Club Pesca Sportiva Celle Ligure- con il quale, ormai da tempo, esiste una consolidata -amicizia- e comune passione per il mare, oggi sempre più minacciato dall’asfissiante inquinamento e da un eccessivo, indiscriminato e non più tollerabile sfruttamento delle risorse ittiche, energetiche e turistiche, senza trascurare di evidenziare i tanti mezzi di trasporto ormai superati ed esageratamente dannosi per l’ambiente che solcano ogni giorno ininterrottamente il mare.

Il Codice di Condotta Responsabile della pesca sportiva, tra l’altro recita: «La pesca sportiva o ricreativa ha avuto una evoluzione fortemente influenzata dalle trasformazioni sociali ed economiche; originariamente finalizzata esclusivamente al consumo alimentare, la pesca sportiva o ricreativa è divenuta oggi una attività che assume nuovi e molteplici significati: agonismo, attività di svago e occasione per il cittadino di un rapporto diretto con l’ambiente naturale. Anche per questo motivo, rappresenta un settore estremamente complesso in cui convivono diverse realtà a seconda del tipo di pesca praticata, delle tecniche adottate e delle tradizioni che si sono evolute con l’ambiente e con la natura delle nostre comunità ittiche.»

Il Comitato Lanzarotto Malocello Varazze collabora e sostiene l’attività coscienziosamente svolta dall’Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica Varazze e dallo Sporting Club Pesca Sportiva Celle Ligure,due realtà socio-aggregative che operano nella realtà quotidiana dei due paesi posti nell’estremo levante savonese, alternando ai -momenti- di svago in mare, passione antica e tradizione della gente di Liguria, a momenti di socializzazione tra i soci e le loro famiglie, a -momenti- sempre più ravvicinati di pulizia e raccolta rifiuti abbandonati sia in mare che a terra (spiaggia e scogliera), coinvolgendo in questo necessario e sentito compito, per quanto possibile, anche gli alunni e studenti delle scuole, con il sostegno e supporto dei responsabili, insegnanti e docenti: importanti -momenti- di sensibilizzazione delle nuove generazioni, domani costrette a sobbarcarsi il non facile compito di rimediare al nostro irresponsabile e disastroso comportamento.

Opera di sensibilizzazione, quella svolta dall’APSDV per la conservazione dell’ambiente marino, che ogni anno a fine settembre, si concretizza con un incontro a tema, denominato -A pesca e u mâ- che le locali associazioni di pescatori organizzano in collaborazione con Circoli Velici, il Museo del Mare, il porto turistico Marina di Varazze, il locale Centro di Educazione Ambientale e l’amministrazione comunale, firmataria della -Carta di partenariato Pelagos-.

Una giornata dedicata all’ambiente marino a tutto tondo, con il coinvolgimento dell’intera comunità, ospiti compresi, e soprattutto i giovani per i quali lo scorso anno i nostri -Pescatori- (Ambasciatori Pelagos), nel contesto del -Lanzarottus Day-, giornata dedicata al ricordo del l’esploratore e navigatore varazzino, in collaborazione con il Comitato Lanzarotto Malocello Varazze, hanno indetto una Borsa di Studio sul Tema: «Protezione dell’Ambiente in generale e l’importanza del progetto -Pelagos Plastic Free-. Iniziativa che nasce dalla necessità di ridurre l’inquinamento marino, dalla plastica in particolare, per proteggere i mammiferi del Santuario dei Cetacei.» - Borsa di Studio del valore di 200 €, assegnata e consegnata alla classe 4^B della Scuola Primaria -G. Massone- di Varazze, che ha presentato il miglior elaborato sull’argomento.

Fonte: L’Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica Varazze

https://www.ponentevarazzino.com

Martedì 11 agosto 2020

© Riproduzione riservata

189 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: